Testi delle Canzoni

Quell’uccellin del bosco rataplam
dove sarà volato rataplam
in braccio alla mia bella rataplam
che cosa il ga portato rataplam
na letterina sigilada rataplam
che cosa ghera scritto rataplam
ma di sposar l'aibella rataplam
mi l'ò sposata ieri rataplam
ed ora son pentito rataplam

SCARICA IN PDF

La vola in su la broca la donderà
VOLILELA LA DONDERA'
La vola in mezzo al prato la beccherà
VOLILELA LA BECHERA'
La vola in riva all'Adda la beverà
VOLILELA LA BEVERA'
La vola sopra il ponte la canterà
VOLILELA LA CANTERA'
La beve alla fontana la va più ià
VOLILELA LA VA PIU' IA'
La vola sul palazzo la farà el gnal
VÒLILELA LA FARA' EL GNAL
arriva sulla torre la suonerà
VOLILELA LA SUONERA' DIN DON DAN
si appoggia sulla rocca e riposerà
VOLILELA RIPOSERA'
la vola in mezzo all'Adda la negherà
VOLILELA LA NEGHERA'
La colombina è morta si piangerà
VOLILELA LA PIANGERA'

SCARICA IN PDF

Gòò gnanca èn gheèl èn secocia
So mia se faa
vèn su l'invernu che stròsa
sò sèmpèer a cà
A laura guadagnaria dei bei biglièt de dees
e a l'ustaria ghen daria a bùer dei bòn mes
cuun na putela tanto bela che ga num Carmela
la purtarèsi a la sera a balaa con me
Ma 'ntant la neef la vegn
e a tasèer me cunvieen
Sò sempeer senza sòòlt
enfina l'an che veen.
Fiocca la neve fiocca
se ghees i gheei el sarees mei
n'darees a bèèf
lieve vien giù la neve
e i bavelin i sta a bufàa en sui diit
a cuor a cuor ci parlerem d'amor
Ven su l’april bel caldiin
cun na mucia de fiuur
ghe li farfali che vula:
cun mila cuulur
e a primavera anca èl merlù
eì turnara a cantaa
e i cuntadiin en dei sòò camp
i turna a laura
Sù buna geent vegni tuti a la nostra pìaseta
che catèruum de la merla li beèli cansòon

SCARICA IN PDF

Tra la ruca en mesa a l'èra se ghè nigui e se’nserena Volilela...
La brugna l'e' fiurida e' tuti i la remira Volilela...
La brugna la fa el fiore e tuti i fa l'amore Volilela...
La brugna la sta in broca e tuti i se' riposa Volilela...
La brugna l'e' cascada e tuti i là ùtata Volilela...
Camisa ricamada la metarò in bugada Volilela...
Farum na lisciada ma ben insaunada Volilela...
Ndarum a resentala en dè na funtana chiara Volilela...
Ndarum a slargala nel bel giardin dei fiori Volilela...
Ndarum a ripiegala a l'ombra dell'amore Volilela...
Ndarum a sarala cun na chiavetta d'oro Volilela...

SCARICA IN PDF

Quàant èl sùul e'l tramuunta
e la stela de la not
la va in ciel in cumpagnia de la luuna
veen zùù fa not
la not le nàalter di
le na ròba meravigliùùsa
la tèra la se mòof 'naaltra vòolta de not
De nòt se sèent cantàa
dal gril cantenin a la sivèta
a la furbezèta e a l’urluc
nuzel biaanch che dèl di le sta scundiit
ma de nòt el vula in cièel
e quant el pasa '1 fa bùbù bùbù bùbù...
el càanta cuzi
La nòt l'è e1 me di e la me piaas
fòorse go gnamò capiit perchè
fòorse perche' voi stàa de per mi...
e scansaa la gèent
perchè sultàant làa ghè i mèe amiis
Apèena mèti el ciaà-ar per tèera
paar che la tèra la se dersèeda
tut en dén cuulp ghe ninfinità de bestiulini
che li se mòof . . sultaant de nòt....
e mi li vàardi...li scùulti e ghè parli
Quàant el sùùl el tramunta e la stela de la nòt
la va in cièel in cumpagnia de la lùuna
vèen zùù la nòt
la not le nàaiter di lè na roba meravigliùùsa
la tèra la se mòof naaltra vòolta de nòot

SCARICA IN PDF

STANOT GH’É N’ARIA FRÉESCA E DELICÁADA, PIÉENA DE ‘N SAÚUR DE PÁACE FÚUNDA,
(Stanotte c’è un’aria fresca e profumata, piena di un sapore di pace profonda,
PER CHÉST MI SÓ VEGNÍIT PER MÍ ADRÉE ÁADA A BAGULÁA ‘N PUCHÍIN CUI BÓSCH E L’ÚUNDA.
Per questo sono venuto da solo sulla riva dell’Adda, a chiacchierare un pochino con i boschi e l’onda.
GH’É ÁADA ‘N PO’ ‘N CRESÉENTA E BRUNTULÚNA, LA FÁ: <<SCÍK, TSCIÁK, TSCIÓP>> CUI SBUENTÓON,
L’Adda è un po' in piena e brontolona, lei fa scik, tsciak, tsciop con i gorghi,
E ‘N QUÁL PESÉT CHE CÉRCA L’ÁARIA BÚUNA FINCHÉ ‘L CASCARÁ MÍA EN DE ‘N SACÓON.
E qualche pescetto che cerca l’aria buona, finché non cascherà dentro ad un tramaglio.
CHE CÉEL D’ESTÁAT, CHE MERAVÍILIA, CHE DULCÉSA,
Che cielo d’estate, che meraviglia, che dolcezza,
O CÁARA ÁADA, FIÜM AMÁAT DE LA MÉ INFÁANSIA;
Oh cara Adda, amato fiume della mia infanzia;
TE SÉET NA STRÓFA DÉ ‘L CREÁAT, ‘NA BELÉSA,
Sei una strofa del Creato, una bellezza,
MA INCUSIÉENTA DE ‘L TÓ PÓST IN TÁANTA ÁANSIA.
Ma inconsapevole del tuo posto in tanta ansia.
THE GH’ÉSET DA SAVÍI, ME CÁAR BÉL FIÜM,
Devi sapere mio caro fiume,
CHE RÓBI CUMUVÉENTI GH’ÓO EMPARÁAT:
che cose commoventi ho imparato:
STÉLI TÁANT LUNTÁANI CHE ‘L SÓ GRÁAN LÜM
Stelle tanto lontane che il loro grande bagliore
MIJÁART DE ÁN, PER VÉGNER FÍNA A NÚM…
Miliardi di anni per venire fino a noi…
EL GH’ÁA VIAGIÁAT, EL GH’ÁA VIAGIÁAT. (2 volte)
…ha viaggiato.
ITÉE, MÍ SÓ DE VÍIF E SÓ CUNTÉENT
Ehi tu, io so di vivere e sono contento
MA CHÉI CHE DÍIS: <>,
Ma quelli che dicono “la vita è tutta vana”,
INTÁANT I SE NE VÁARDA DA ‘L SERPÉENT E I GH’ARÉS PAÚÜRA FÍN DE ‘NA RÁANA!
Intanto se ne guardano dal serpente e avrebbero paura perfino di una rana !
I BARCHIRÓOI J È PRÚUNT A LA FÜRTÜNA
I barcaioli sono pronti a tentare la fortuna
CUI SÓ MUTÚUR CHE I PÍCA ‘ME I TAM-TAM-TAM;
con i loro motori che picchiano come TAM-TAM;
SE I ME VÉT CHÍ, MAGÁARI I MÉ CUJÚNA,
Se mi vedono qui magari mi prendono in giro,
I DÍIS: <<’L È MÁAT!>>, MA MÍ MA MÍ CUNÚSI;
Dicono: “E’ matto”, ma lo conosco;
NISÓÖN DÉ LÚUR, DÉ LÚUR GH’è GRÁM; (3 volte)
Nessuno di loro è una grama persona;
STANOT GH’É N’ARIA FRÉESCA E DELICÁADA. Stanotte c’è un’aria fresca e delicata

Scarica in PDF

TRA LA RUCA EN MESA A L’ERA SE GHE’ NIGUL SE ENSERENA
(Getta il rocchetto in mezzo all’aia: se c’è nuvolo si rasserenerà)
VOLILELA, VOLILELA, VOLILELA, VOLILA’.
LA BRUGNA L’E' FIURIDA E TUTI I LA RIMIRA VOLILELA, ……
(il prugno è fiorito e tutti lo ammirano)
LA BRUGNA LA FA EL FIORE E TUTI I FA L’AMORE VOLILELA, …
(Il prugno è andato in fiore e tutti fan l’amore)
LA BRUGNA LA STA IN BROCA E TUTI I SE’ RIPOSA VOLILELA, …
(il prugno è spoglio e tutti si riposano)
LA BRUGNA L’E’ CASCADA E TUTI I LA UTADA VOLILELA, …
(Il prugno è caduto e tutti lo hanno aiutato a rimettersi in sesto)
CAMISA RICAMADA LA METARO’ IN BUGADA VOLILELA, …
(La camicia ricamata la metterò nel bucato)
FARUM ‘NA LISCIADA MA BEN INSAUNADA VOLILELA, …
(Prepareremo la lisciva, ma ben insaponata)
NDARUM A RESENTALA NDE’ NA FUNTANA CIARA VOLILELA, …
(Andremo a sciacquarla nella fontana di acqua chiara)
NDARUM A SLARGALA NEL BEL GIARDIN DEI FIORI VOLILELA, …
(Andremo a stenderla nel bel giardino dei fiori)
NDARUM A RIPIEGALA ALL’OMBRA DELL’AMORE VOLILELA, …
(andremo a ripiegarla all’ombra dell’amore)
NDARUM A SARALA CUN NA CIAVETTA D’ORO VOLILELA, …
(Andremo a rinchiuderla con una chiavetta d’oro)

Scarica in PDF

E LA RICCIOLINA E LA RICCIOLINA
LE L’È INAMURADA LE L’É INAMURADA
E LA RICCIOLINA E LA RICCIOLINA
LE L’È INAMURADA MA DEL CARRETÉ.
E LÜ ‘L CARRETTIÉRE LÜ L’È SEMPRE INTÓRNO
TUTTA LA NOTTE E IL GIÓRNO TUTTA LA NOTTE E IL GIÓRNO
E LÜ ‘L CARRETTIÉRE LÜ L’È SEMPRE INTÓRNO
TUTTA LA NOTTE E IL GIÓRNO LÜ L’È MAI CON MÉ.
TUTTA LA NOTTE E IL GIÓRNO TUTTA LA SETTIMANA
LE L’È INAMURADA LE L’É INAMURADA
TUTTA LA NOTTE E IL GIÓRNO TUTTA LA SETTIMANA
LE L’È INAMURADA MA DEL CARRETÉ.
LE LA SENTE ‘L CIÓCCO MA DE LA SCURIADA
LE LA CORRE ‘N STRADA LE LA CORRE ‘N STRADA
LE LA SENTE ‘L CIÓCCO MA DE LA SCURIADA
LE LA CORRE ‘N STRADA A VEDER CHI É.
A VEDER CHI È A VEDER CHI PASSA
SI L’È LA BELLA FACCIA SI L’È LA BELLA FACCIA
A VEDER CHI È A VEDER CHI PASSA
SI L’È LA BELLA FACCIA MA DEL CARRETÉ.
A VEDER CHI È A VEDER CHI SIA
SI L’È L’AMANTE MIA SI L’È L’AMANTE MIA
A VEDER CHI È A VEDER CHI SIA
SI L’È L’AMANTE MIA CHE VIENE A RITRUVÁ.
LE LA VA DA SURA LE LA VIEN DA BASSO
LE LA SENTE IL PASSO LE LA SENTE IL PASSO
LE LA VA DA SURA LE LA VIEN DA BASSO
LE LA SENTE IL PASSO MA DEL CARRETÉ.

Scarica in PDF

CUN J ÜLTIM MÜC DE NÉEF
Con gli ultimi mucchi di neve
GH’É ‘N BÉL MERLÓT CHE BÉCA,
c’è un bel merlotto che becca,
SE ‘L VÁARDI EL ME RICÓORDA I CÁAMP DE LAURÁA.
Se lo guardo mi ricordo i campi da lavorare.
SÓ MÍIA CÚMA ‘L SÜCÉEDA, MA VERGUTÍNA ‘L BÉCA:
Non so come succeda, ma qualcosina becca:
PÓ ‘L VÉGN FÍN A LA PÉCA, PARÉS PER CURIUSÁA.
poi viene sulla soglia, sembrerebbe per curiosare
MÉERLU BEL MÉERLU, LA TÓ FÜRTÚÜNA L’É MÍIA LA LÜNA, MA L’É ‘L CIÁAR DÉ ‘L DÍ!
Merlo bel merlo, la tua fortuna non è la luna ma il chiaro del giorno!
AL SÚUL FERÉENT TE SÉET ALÉEGHER, TE SÉET TÜT NÉEGHER, MA LA TÓ VÚUS LÉ ARGÉENT.
Sotto il sole cocente sei allegro, Sei tutto nero ma tua voce è d’argento.

DUMÁAN A PRIMAVÉERA TE ME DERSEDARÉET
Domani a primavera mi sveglierai
CUI FIFULÍIN DE FÉERA CHE ‘N DÉ ‘L TÓ GÓOS TE GH’ÉET.
con i lupini della Fiera che hai nel gozzo.
TE SENTARÓO TÜT PIÉEN DE VÍTA DÉ ‘L CANTÁA TRA GÁBI E MÓRI E FÉEN E SPÍIGHI A MADÜRÁA.
Ti sentirò tutto pieno di vita dal cantare tra capitozze e gelsi e fieno e spighe a maturare.
‘NDÚA PÜ GH’É MÜC DE NÉEF LÚÜ ‘L TÚURNA PER SGARIÁA,
Dove non ci sono più i mucchi di neve lui torna per razzolare,
E MÍ SGARBÚI ‘L MÉ RÉEF DE VÓI DE DUMANDÁA:
E mentre sbroglio il mio filo gli voglio domandare:
<<ÉE ‘L LÚÜ EN MIRÁCUL – VÉERA? – CHE ‘L MÁANGIA E ‘L SALTABÉCA
“Lei è un miracolo, vero? che mangia e saltabecca
QUÁAN MÍ, CHE ‘L PIÓOVA E ‘L SÉCA, GH’ÓO SÉEN DE FADIGÁA?>>.
mentre io, che piova o che ci sia secco devo sempre faticare?”.
DA DÍU E DA NATÚÜRA MÍ GH’ÓO SÁANCH E CERVÉL
Da Dio e dalla natura io ho sangue e cervello
PER VÍIF LA MÉE AVENTÚÜRA DE VÍSER MÍIA ‘N UZÉL.
per vivere la mia avventura di non essere un uccello.
AL SÚUL E AL CALÍIF GH’ÓO DE ADATÁA ‘L CAPÉL
Al sole e al gelo devo adattare il cappello
E AL CÚST DE RESTÁA VÍIF DA UNÉST E MÍIA CANÉL.
e al costo di restare vivo da onesto e non da “cannello” (birbante).

Scarica in PDF

ME TE’ ‘N DO DU MARIANNA.
o te ne do due, Marianna.
MA FUM LA PASS MARTINO CORPO DE BISS, MA FUM LA PASS SANGO DE BISS, MA FUM LA PASS
Ma facciamo la pace Martino, corpo di biscia ma facciamo la pace, sangue di biscia ma facciamo la pace
MA FUM LA PASS MARTINO.
Ma facciamo la pace, Martino
SEE FUM LA PASS MARIANNA CORPO DE BISS, SEE FUM LA PASS SANGO DE BISS, SEE FUM LA PASS
Sì, facciamo la pace, Marianna . corpo di biscia, sì facciamo la pace, sangue di biscia sì, facciamo la pace
SEE FUM LA PASS MARIANNA.
Sì, facciamo la pace Marianna.
VEGNI DE DENT MARTINO CORPO DE BISS, VEGNI DE DENT SANGO DE BISS, VEGNI DE DENT
Venite dentro Martino, corpo di biscia venite dentro, sangue di biscia venite dentro
VEGNI DE DENT MARTINO.
Venite dentro, Martino
FUM EN BALET MARIANNA / MARTINO CORPO DE BISS, FUM EN BALET SANGO DE BISS, FUM EN BALET
Facciamo un balletto Marianna/Martino corpo di biscia, facciamo un balletto, sangue di biscia facciamo un balletto
FUM EN BALET MARIANNA / MARTINO.
Facciamo un balletto Marianna/Martino

Scarica in PDF

I commenti sono chiusi.